"Alternative" senza precedenti

"Alternative" senza precedenti

Giancarlo Strocchia
Condividi
Un nuovo rapporto del World Energy Resources (WEC) sancisce l'avanzata delle rinnovabili che in 10 anni hanno subito una crescita esponenziale. Per Frei, Segretario Generale del World Energy Council "è necessario urgentemente un ulteriore progresso per potenziare l'azione sull'efficienza energetica, l'immagazzinamento di energia elettrica e la cattura e lo stoccaggio dell'anidride carbonica"

Probabilmente non era necessario l’ennesimo suggello posto dal recente WEC di Istanbul, ma se ce ne fosse stato bisogno l’appuntamento turco ha confermato, per voce del presidente esecutivo del World Energy Resources, Hans-Wilhelm Schiffer, che mai come oggi le energie rinnovabili sono in ascesa. Lo ha rilevato proprio un rapporto del WER appena pubblicato secondo cui la capacità totale di generazione di energia basata sulle rinnovabili a livello globale è raddoppiata negli ultimi dieci anni, passando da 1.037 GW nel 2006 a 1.985 GW alla fine del 2015. Questo aumento è stato causato da un utilizzo record in particolare della capacità eolica e solare per la generazione di energia elettrica. La capacità di energia eolica è aumentata a livello globale passando da 74 GW nel 2006 a 432 GW nel 2015 (420 GW onshore e 12 GW offshore), mentre l'energia solare è passata, nello stesso orizzonte temporale, da 6 GW a 227 GW. La capacità di energia idroelettrica globale è cresciuta del 35% dal 2006, passando da 893 GW a 1.209 GW nel 2015, di cui 154 GW tramite pompaggio. L'energia idroelettrica, che ha fornito il 71% di tutta l'elettricità rinnovabile nel 2015, è la fonte rinnovabile principale per la generazione di elettricità a livello globale. Il 15% di tutta la produzione di energia elettrica rinnovabile nel 2015 si è basato sul vento, il 5% sull'energia solare e il 9% su biomassa, energia geotermica e altre fonti energetiche considerate insieme. La generazione di energia elettrica totale basata sulle rinnovabili è stata di 5.559 TWh nel 2015, che corrispondono al 23% della generazione totale di elettricità a livello mondiale di 24.098 TWh.

Una grande occasione di crescita

"Il panorama energetico ha subito un cambiamento che ha visto gran parte dei paesi raggiungere un mix energetico più diversificato oltre a una crescita delle proprietà comunitarie e un'evoluzione delle micro reti", ha sottolineato lo stesso Schiffer. Il rapporto WER ha osservato come la diversificazione delle tecnologie e delle risorse, ora utilizzate nel settore energetico, possa creare molte opportunità, ma la maggiore complessità porta anche a un maggior numero di sfide. "Con il livello esistente di volatilità", ha sottolineato Schiffer, "fare affidamento su fatti e dati concreti come base per un processo decisionale strategico da parte dei relativi stakeholder, come ad esempio governi, aziende e organizzazioni internazionali, sta diventando ancora più importante che in passato". Christoph Frei, Segretario Generale del World Energy Council, ha rimarcato come "nell'ultimo decennio abbiamo assistito a un aumento sensibile di risorse non convenzionali e ad un non meno sensibile miglioramento della tecnologia nel campo delle energie rinnovabili. Il petrolio continuerà comunque ad essere una fonte energetica di punta, necessario soprattutto per il settore dei trasporti, visto che fornisce oltre il 60% dell'energia, e l'età dell'oro del gas continuerà con una crescita della produzione prevista tra il 25% e il 70% entro il 2060". Il report chiarisce come le fonti rinnovabili, come l'energia solare, quella eolica e l'energia idroelettrica rappresentano attualmente circa il 30% della capacità totale di generazione di energia installata e il 23% della produzione totale di elettricità a livello globale e continueranno a crescere. "Tuttavia, " ha osservato Frei, "è necessario urgentemente un ulteriore progresso per potenziale l'azione sull'efficienza energetica, l'immagazzinamento di energia elettrica e la cattura e lo stoccaggio dell'anidride carbonica".