The U.S. energy team

The U.S. energy team

Editorial Staff
Condividi

Nell’azione di definizione della squadra di governo, il presidente statunitense Trump ha già indicato alcune delle personalità che maggiormente incideranno sul futuro energetico del Paese. L’energy team della Casa Bianca, oltre al già designato responsabile per il dipartimento dell’Energia, Rick Perry, include figure come Ryan Zinke, responsabile per gli Affari Interni, a cui spetta l’incarico di sovraintendere sulla protezione dei territori demaniali e, quindi, anche sulle concessioni per nuovi progetti energetici.

Richard Perry, segretario del Dipartimento statunitense dell'Energia

James Richard ''Rick'' Perry è stato il 47° governatore dello stato del Texas, avendo ricoperto questo incarica dal dicembre 2000 al gennaio 2015, nel più lungo periodo di governo che lo Stato abbia mai avuto. Repubblicano, è stato eletto vice-governatore del Texas nel 1998 e ha assunto la leadership quando l'allora governatore George W. Bush si è dimesso per diventare presidente degli Stati Uniti. Perry ha corso, senza successo, anche per la nomination repubblicana alla presidenza degli Stati Uniti nel 2012 e nel 2016. Il 14 dicembre 2016, Donald Trump ha annunciato la sua intenzione di nominare Perry come il Segretario del Dipartimento per l'energia, incarico che ora attende la conferma del Senato americano.

Ryan Zinke, segretario per gli Affari Interni

Ex militare, dimessosi dagli U.S. Navy Seals con il grado di comandante nel 2006, è membro della Camera dei Rappresentanti per il Montana dal 3 gennaio 2015. Repubblicano, è stato chiamato da Trump a guidare Il dipartimento all’Interno che, negli Stati Uniti, si occupa prevalentemente della protezione delle risorse naturali del paese, inclusa la gestione dei territori demaniali e dei parchi. Zinke sarà chiamato a cambiare alcune delle regole introdotte dall’amministrazione Obama, per limitare l’uso del territorio americano, ad esempio vietando il fracking o le perforazioni petrolifere nel Mar Artico.

Edward Scott Pruitt, amministratore dell'EPA, Environmental Protection Agency

Avvocato e politico repubblicano, nel 2010 è stato nominato Procuratore Generale dello stato dell’Oklahoma. In questa veste ha manifestato posizioni contrarie alle normative per la protezione dell’Ambiente, conducendo o partecipando a 14 azioni legali contro l’EPA, l’Environmental Protection Agency, lo stesso ente per il quale è il candidato selezionato da Trump alla carica di amministratore. Nonostante la stampa americana gli attribuisca una tendenza ''negazionista'' rispetto al problema dei cambiamenti climatici, nel corso dell’udienza in Senato per la conferma definitiva alla sua nomina a capo dell’EPA ha dichiarato come "il clima stia cambiando, e l'attività umana contribuisce in qualche modo a determinare questo cambiamento".

Greg Walden, presidente della Commissione per l'Energia e il Commercio del Congresso

E’ il rappresentate per il secondo distretto dell'Oregon al Congresso. Per quattro anni ha ricoperto la carica di presidente del National Republican Congressional Committee. Ha inoltre fatto parte delle Commissioni della Camera per l'Agricoltura, le Risorse Naturali e le Riforme del Governo. Tra le proprie responsabilità la Commissione per l’Energia e il Commercio annovera anche la qualità ambientale e la politica energetica. La Commissione sovrintende al lavoro di più dipartimenti e agenzie indipendenti, tra cui il Dipartimento per l’ Energia e l'Environmental Protection Agency

Lisa Murkowski, presidente della Commissione Energia e Risorse Naturali del Senato

È rappresentante per lo stato dell'Alaska nel Senato statunitense e presidente della Commissione per l’Energia e le Risorse Naturali, di cui fa parte dal suo arrivo in Senato, nel 2002. Leader indiscussa relativamente alle tematiche di politica energetica e di gestione dei territori di proprietà federale, la senatrice Murkowski ha da sempre perseguito il principio per cui ogni tipo di energia è positiva, mettendo in atto politiche che mirassero a rendere la disponibilità energetica degli Stati Uniti sempre più abbondante, economica, pulita, diversificata e sicura.