Africa, il futuro di un continente in cammino

Africa, il futuro di un continente in cammino

Simona Manna
Condividi
Il potenziale energetico, gli investimenti esteri, le scelte politiche legate al settore oil & gas e i progetti futuri. È quanto è emerso nel corso dell'Africa Oil Week tenutosi a Cape Town, in Sudafrica, dal 23 al 27 ottobre 2017. Di seguito, gli interventi dei ministri dell'energia di Nigeria, Congo, Namibia, Costa d'Avorio e Mali nel corso di una sessione dedicata alle potenzialità dei paesi su cui investire, le interviste ai ministri energetici del Ghana e della Costa d'Avorio e all'analista politico sudafricano Daniel Silke. Infine, i numeri degli investimenti esteri diretti da e verso l'Africa, in una dettagliata infografica.

Topic

Perché investire nel Mali

L'intervento del ministro del petrolio Tiémoko Sangaré

Perché investire nella Namibia

L'intervento del ministro dell'energia Obeth Kandjoze

Perché investire nella Costa d'Avorio

L'intervento del ministro del petrolio Thierry Tanoh

Perché investire nel Ghana

L'intervento del ministro dell'energia Boakye Agyarko

Perché investire nella Nigeria

L'intervento del ministro di Stato per le Risorse Petrolifere Emmanuel Ibe Kachikwu

Interviste

Le sfide del Ghana: accesso all'energia e rinnovabili

Parla il ministro dell'energia Boakye Agyarko. "Con il National Electrification Scheme e il Self Help Electrification Programme ci assicuriamo l'accesso per tutti". Entro il 2020 le fonti alternative costituiranno il 20% del mix energetico

Costa d'Avorio, il tesoro è offshore

Per il ministro del petrolio, dell'energia e dello sviluppo delle rinnovabili, Thierry Tanoh, gran parte della fortuna di questo paese è davanti alla propria costa, dove sono presenti giacimenti offshore oil & gas

L'Africa è sempre più resiliente

A colloquio con Daniel Silke, analista politico sudafricano. "Il fatto che, oggi, la crescita economica sia diventata più instabile sta costringendo molti paesi africani a cambiare profondamente le proprie politiche"

Infografica

infografica
Condividi