La transizione energetica della Corea del Sud

La transizione energetica della Corea del Sud

Editorial Staff
Condividi
Il Paese ha intenzione di allinearsi alle tendenze globali, svincolando la dipendenza nazionale da carbone e nucleare

La Corea del Sud adotterà entro la fine dell'anno una road map energetica per il graduale superamento della dipendenza nazionale da carbone e nucleare, e la transizione verso il gas naturale e le fonti cosiddette rinnovabili. Lo ha annunciato oggi il governo di Seul, sottolineando che le politiche del governo daranno attenzione prioritaria "alla sicurezza pubblica e all’innovazione tecnologica". "Cambieremo il paradigma dell’energia verso un futuro energetico sicuro e pulito, che rifletta le tendenze globali e gli orientamenti dell’opinione pubblica", ha dichiarato Paik Un-gyu, ministro del Commercio, dell’industria e dell’energia sudcoreano, nel corso di una audizione parlamentare. "Procederemo alla graduale dismissione dei reattori nucleari e renderemo più ecologici gli impianti termoelettrici a carbone".