Il sole sui tetti di Mascate

Il sole sui tetti di Mascate

Elisa Maria Giannetto
Condividi
L'Oman lancia un progetto per l'installazione di sistemi fotovoltaici sul tetto degli edifici residenziali del sultanato. Previsto un risparmio di circa 1,3 miliardi di dollari nei prossimi 25 anni

Le sue case bianche e rigorosamente più basse della torre Muezzin, come previsto dall’architettura araba, e dalla legge, saranno ricoperte da pannelli fotovoltaici per catturare l’energia del sole e garantire l’autosufficienza energetica agli abitanti della capitale dell’Oman.  Il Paese che ha fatto del petrolio la sua fortuna sta virando verso fonti alternative con l’obiettivo di liberarsi dalla dipendenza degli idrocarburi. I piani energetici del governo, da qui al 2020 prevedono infatti lo sviluppo di nuove fonti pulite, eolico e solare in primis. È nata così un’importante iniziativa per consentire l’installazione di sistemi fotovoltaici sul tetto degli edifici residenziali del sultanato. Un progetto che prevede un ruolo significativo dei fondi di investimento locali e stranieri. Secondo quanto riferisce il quotidiano locale "Oman Daily Observer", la proposta è nata sul tavolo dell’Autorità per il regolamento elettrico dell’Oman (Aer) e prevede la potenziale installazione di sistemi fotovoltaici sul 10-30%o degli edifici residenziali, promettendo di offrire vantaggi positivi sia ai proprietari degli immobili che al settore elettrico del Paese, con importanti vantaggi anche per il governo di Muscat (Mascate). L’iniziativa è suddivisa in varie fasi e verrà realizzata sotto la supervisione dell’Aer che controllerà l'installazione della prima tranche dei sistemi fotovoltaici. Una volta installata e dimostrata la reale capacità l’Aer procederà a studiare l’installazione su larga scala proponendola come opportunità per i fondi di investimento. Secondo una prima stima i sistemi fotovoltaici solari collegati alla rete e installati sul tetto degli edifici residenziali consentirebbero un risparmio di circa 1,3 miliardi di dollari nei prossimi 25 anni.