Eni, parte con successo la prima prova di produzione di Zohr

Eni, parte con successo la prima prova di produzione di Zohr

Editorial Staff
Condividi
L'azienda italiana ha avviato la prima prova di produzione sul pozzo Zohr 2X, che si stima possa arrivare a 7 milioni di metri cubi al giorno nella configurazione di produzione

Eni ha eseguito con successo la prima prova di produzione sul pozzo Zohr 2X, primo pozzo di delineazione della scoperta di Zohr, situata nel blocco di Shorouk, nell’offshore dell’Egitto. Nella prova di produzione, limitata dalle infrastrutture di superficie, sono stati aperti alla produzione 120 metri del giacimento. Il pozzo ha erogato sino a 1,3 milioni di metri cubi di gas al giorno. Tutti i dati acquisiti e analizzati confermano la grande capacità produttiva del pozzo, che si stima possa arrivare a 7 milioni di metri cubi al giorno (che corrispondono a circa 46.000 barili di olio equivalente al giorno) nella configurazione di produzione. Nel corso del 2016 saranno perforati nel giacimento 3 ulteriori pozzi. Inoltre, sono iniziati i lavori di costruzione dell’impianto onshore di trattamento del gas prodotto e sono state già avviate e quasi completate le gare per l’assegnazione delle attività di installazione delle strutture offshore. Eni, attraverso la controllata IEOC, detiene una quota del 100% nella concessione di Shorouk, dove l’operatore è Petrobel, una joint-venture paritetica tra IEOC e la società di stato Egyptian General Petroleum Corporation (EGPC). Eni è presente in Egitto dal 1954 dove opera attraverso IEOC Production BV. La produzione equity nel Paese è stata di circa 200mila barili di olio equivalente al giorno nel 2015.