Eni rafforza la sua presenza nel Mediterraneo Orientale

Eni rafforza la sua presenza nel Mediterraneo Orientale

Editorial Staff
Condividi
Grazie all'ultimo accordo siglato con Total per l'acquisizione del 50% del blocco 11, vicino al super-giant Zohr, la compagnia italiana consolida il suo operato nell'offshore di Cipro

L’accordo siglato dalle due compagnie, attraverso il quale Total rimane l’operatore del blocco, è stato approvato dal Consiglio dei Ministri della Repubblica di Cipro. Con questa transazione Eni rafforza ulteriormente la propria posizione nel paese, acquisendo il diritto a esplorare un’area di 2.215 chilometri quadrati, vicina alla scoperta super-giant di Zohr nell’offshore egiziano. I diritti sul Blocco 11 sono stati assegnati dalla Repubblica di Cipro a Total nel 2013 a seguito del secondo bid round competitivo tenutosi nel paese. Nel Blocco 11 è prevista nel 2017 la perforazione di un pozzo esplorativo. L’accordo rientra nella strategia Eni volta a rafforzare il proprio portafoglio esplorativo nell’area strategica del Mediterraneo Orientale. Eni è presente a Cipro dal 2013 attraverso la sua affiliata Eni Cyprus Ltd. e detiene i diritti esplorativi sui Blocchi 9, 3 e 2 (Eni 80% Op., Kogas 20%) assegnati a seguito del secondo bid round ed è inoltre stata selezionata nell’ambito del terzo bid round competitivo come "Selected Bidder" per il Blocco 6 (Eni 50% Op.Total 50%) e il Blocco 8 (Eni 100% Op.).

Se vuoi approfondire, sfoglia Oil 31 "Mediterraneo a tutto gas".