Accordo Egitto-Cina da un miliardo di dollari per l'energia

Accordo Egitto-Cina da un miliardo di dollari per l'energia

Editorial Staff
Condividi
L'intesa, firmata a margine del summit dei BRICS in corso a Xiamen, consentirà di implementare la seconda fase dello sviluppo della rete elettrica egiziana che, stando a quanto dichiarato dal governo del Cairo, dovrebbe raddoppiare la sua capacità entro il 2022

Il ministro dell'Elettricità dell'Egitto Mohamed Shaker ha firmato con l'azienda energetica cinese State Grid Corporation e la China Electric Power Equipment and Technology un accordo da un miliardo di dollari per portare avanti la seconda fase dello sviluppo della rete elettrica nazionale. Lo ha reso noto il ministero della Cooperazione internazionale egiziano, secondo il quale l'accordo quadro è stato firmato a margine del vertice dei paesi Brics (Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica) nella città costiera cinese di Xiamen. L'Egitto aveva già firmato un accordo, tre anni fa, con entrambe le società cinesi per costruire una rete elettrica di 1.210 chilometri come prima fase del progetto. "L'accordo è quello di completare il sistema elettrico, tra cui la produzione, la trasmissione e la distribuzione, per aumentare il livello del servizio‘, ha dichiarato Shaker. Il governo dell'Egitto prevede di raddoppiare la sua capacità elettrica entro il 2022, attraverso la costruzione di nuove centrali elettriche e lo sviluppo di quelle già esistenti.