Andamenti alternati per i tagli OPEC non-OPEC

Andamenti alternati per i tagli OPEC non-OPEC

Editorial Staff
Condividi
Secondo gli ultimi dati ufficiali, le misure di riduzione della produzione di greggio stabilite con gli accordi di Vienna tra i paesi produttori non sempre procedono in base ai livelli stabiliti. A luglio il dato si è fermato al di sotto della soglia del 90%

A luglio 2017, per il secondo mese consecutivo, la conformità all’accordo sui tagli alla produzione di greggio sottoscritta dai paesi produttori di greggio, OPEC e non-OPEC, si è attestata al di sotto della soglia del 90 per cento. Secondo quanto evidenziato dai dati OPEC e IEA (Agenzia internazionale per l'energia), i Paesi aderenti all’Organizzazione avrebbero realizzato una quota pari all'86 per cento delle riduzioni in programma, contro l'84 per cento realizzato a giugno. La conformità dei paesi non-OPEC è scesa al 73 per cento, dall'81 per cento. In percentuale, i Paesi maggiormente "virtuosi" rispetto alle quote definite sono stati Venezuela, Angola, Kuwait e Messico, così come i produttori più piccoli, del calibro del Brunei e della Guinea Equatoriale. L'Arabia Saudita, paese OPEC che ha assunto l’impegno maggiore in fatto di riduzione della produzione di greggio, si è dimostrata conforme per la maggior parte dell'anno, per poi scendere al 98 per cento nel mese di luglio. L'Iraq, il secondo produttore più importante dell’Organizzazione, si è fermato a quota 44 per cento. Secondo l’agenzia Bloomberg, l'OPEC ha dovuto rivedere complessivamente al rialzo i propri dati di produzione a giugno per l’azione di paesi come l'Arabia Saudita e gli Emirati Arabi Uniti. La Russia, il primo produttore del gruppo non-OPEC, negli ultimi mesi, secondo i dati IEA, ha effettuato più del 90 per cento dei tagli promessi. Nello stesso mese di luglio, il Messico ha tagliato la produzione di greggio di in misura più ampia di quanto concordato mentre il Kazakistan, terzo produttore del gruppo non-OPEC, rimane ben al di fuori degli obiettivi stabiliti, anche se ha affermato il suo impegno per l'accordo all'inizio di agosto.