Scoperti nuovi giacimenti di gas in Tanzania

Scoperti nuovi giacimenti di gas in Tanzania

Editorial Staff
Condividi
Dodsal Group annuncia di aver individuato 2 giacimenti nell'area di Ruvu. La zona a Est del continente africano si conferma ad alto potenziale energetico

"In Tanzania c’è un enorme potenziale in materia di idrocarburi, speriamo di fare altre scoperte in futuro", aveva detto nel febbraio scorso Pilavulathill Surendran, responsabile del dipartimento idrocarburi del Dodsal Group, all’indomani della scoperta di un giacimento di gas da 57 miliardi di metri cubi nel bacino di Ruvu. E non è stato smentito. È di pochi giorni fa, infatti, la scoperta di un secondo giacimento di gas onshore – sempre in Tanzania e sempre da parte di Dodsal Group – del valore di 8 miliardi di dollari. Si tratta del secondo bacino trovato nell’area di Ruvu dal 2009, quando la compagnia aveva iniziato le esplorazioni dopo aver ottenuto la concessione. Rajen Kilachand, presidente del Dodsal Group, ha sottolineato come queste scoperte aiuteranno l’economia locale e permetteranno in parte anche di abbattere i costi di importazioni delle materie prime. La Tanzania, e in generale la parte est del continente africano, sembra abbiano un alto potenziale energetico sul fronte delle materie prime e sono sotto la lente di ingrandimento di compagnie come BG Group (acquistata dalla Royal Dutch Shell un anno fa) ed Exxon Mobil.