Meeting Opec, la Russia frena sull'accordo sul prezzo del petrolio

Meeting Opec, la Russia frena sull'accordo sul prezzo del petrolio

Editorial Staff
Condividi
"La questione relativa al blocco della produzione è un argomento a parte, che necessita di una riunione separata", ha spiegato Novak alla stampa, ma lo stallo dura dalla primavera di quest'anno

Il Ministro dell’Energia russo, Alexander Novak, ha ridimensionato le attese circa un accordo sul congelamento o la rimodulazione della produzione del petrolio nel prossimo meeting Opec in Algeria. "La questione relativa al blocco della produzione è un argomento a parte che necessita di una riunione separata", ha spiegato Novak alla stampa, "anche perché la situazione attuale non è certo quella che di Febbraio o Aprile. Credo", ha proseguito Novak, "che durante il meeting, sempre che l’incontro si terrà, discuteremo della situazione complessiva del mercato del petrolio".
La riunione Opec prevista dal 26 al 28 settembre prossimo in Algeria, infatti, segue quelle che si sono svolte in primavera e prima dell’estate, dove non è stato raggiunto alcun accordo su un eventuale congelamento della produzione che possa stabilizzare i prezzi del greggio. In questo scenario, infine, proprio durante il meeting Novak potrebbe incontrare anche i rappresentanti di Arabia Saudita e Iran per tentare una mediazione.