La Norvegia apre a nuove trivellazioni nell'Artico

La Norvegia apre a nuove trivellazioni nell'Artico

Editorial Staff
Condividi
Le licenze concesse da Oslo sostengono, di fatto, la corsa alle estrazioni di petrolio e gas nell'Artico. Alcune delle aree interessate sono state per anni al centro di un contenzioso con la Russia

Dopo oltre vent’anni la Norvegia torna a concedere nuove aree per la trivellazione petrolifera e gasiera. "Oggi, stiamo aprendo un nuovo capitolo nella storia dell'industria del petrolio norvegese," ha affermato Tord Lien, ministro norvegese del Petrolio e dell'Energia, "per la prima volta in 20 anni offriamo nuova superficie per l'esplorazione".  La decisione del governo di Oslo apre di fatto una nuova corsa verso l’Artico, nonostante i costi molto elevati e la scarsa resa economica. Delle 10 nuove licenze concesse, 3 si riferiscono ad aree che si trovano nel Mare di Barents e che per circa 40 anni sono state al centro di un contenzioso con la Russia. Una disputa conclusasi nel 2010 con un accordo che ha sancito la linea di confine tra i 2 Paesi.