Dal MIT arriva la nuova batteria al Litio

Dal MIT arriva la nuova batteria al Litio

Editorial Staff
Condividi
Una ricerca condotta dal professor Ju Li, del Massachusetts Institute of Technology, risolve alcuni dei problemi principali di questo tipo di storage, evitando la dispersione dell'energia

Le batterie al litio costituiscono una delle migliori soluzioni per piccoli e grandi sistemi elettrici, grazie alla loro durata e al loro peso limitato e sono considerate la nuova frontiera per lo storage nella mobilità elettrica. Ma hanno 2 difetti principali: disperdono molta dell’energia immessa a causa del surriscaldamento e si deteriorano facilmente. "Durante la carica", spiega Ju Li, Battelle Energy Alliance Professor of Nuclear Science and Engineering presso il MIT, "viene sprecato fino al 30% dell’energia di una batteria. E di contro, se questa viene caricata troppo velocemente, rischia di bruciarsi". E proprio Ju Li ha messo a punto una soluzione che promette di rivoluzionare il mondo dello storage delle batterie al litio, grazie a un nuovo modello, chiamato "batteria catodica nanolitia". In pratica, grazie al nanolitio, l’ossigeno non viene più scambiato con l’esterno ma il processo di caricamento si svolge in un circuito chiuso e sigillato che evita dispersioni. E proprio la reazione chimica conosciuta fino ad oggi era anche alla base del veloce deterioramento delle batterie. La soluzione messa a punto dal MIT, invece, promette al contempo di allungare anche la vita degli impianti di storage, che si tratti di sistemi per strumenti elettronici o di batterie per auto elettriche.