Il LNG dell'Alaska fa gola al Giappone

Il LNG dell'Alaska fa gola al Giappone

Editorial Staff
Condividi
Pronti 30 miliardi di dollari per investimenti nello Stato americano. Tra le principali compagnie interessate, la Resources Energy

L'Alaska vorrebbe abbassare il prezzo per la costruzione di uno dei principali gasdotti dello Stato, l'AKLNG, rivedendo le attuali partnership in essere - considerate troppo costose anche sul fronte della distribuzione. E un'offerta interessante sarebbe venuta dalla compagnia energetica giapponese, la Resources Energy, disposta a proporre prezzi più bassi per il Lng del Paese. Di contro, spiegano le autorità dello Stato, il mercato sta soffrendo un'offerta di gas decisamente troppo elevata rispetto alla richiesta, circostanza che spinge le principali oil company - da BP a ConocoPhillips ed ExxonMobil - a non investire nelle infrastrutture troppo costose. E le aziende energetiche giapponesi, stando a quanto dichiarato dalle autorità dell'Alaska, avrebbero circa 30 miliardi di dollari da investire in progetti in questo Stato.