Rinnovabili, nel mondo i "green job" crescono del 5%

Rinnovabili, nel mondo i "green job" crescono del 5%

Editorial Staff
Condividi
Secondo il rapporto annuale presentato dall'Irena, nel 2015 il settore delle energie pulite ha dato lavoro a oltre 8 milioni di persone in tutto il mondo. Ma il fenomeno ha riguardato solo alcuni Paesi

La continua crescita delle rinnovabili favorisce l’occupazione. Secondo il rapporto annuale "Energie rinnovabili e Lavoro", presentato dall'Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (Irena), lo scorso anno nel settore delle FER energy  hanno lavorato 8,1 milioni di persone, il 5% in più rispetto al 2014. Una cifra considerevole, soprattutto se vi si aggiungono gli altri 1,3 milioni di operatori impiegati presso i grandi impianti idroelettrici. Tra i Paesi trainanti gli Stati Uniti, dove la crescita registrata è stata del 6%, mentre nel settore petrolifero l’occupazione è scesa del 6% e in quello del gas naturale del 18%. In controtendenza, invece, Paesi come l’Italia e la Spagna; quest’ultima, nel 2014, ha visto i lavoratori impiegati nel settore energetico scendere a 76.300 persone, esattamente la metà rispetto al 2008. Per Irena, oltre alla crisi economica, le principali cause del fenomeno vanno ricercate nelle "politiche avverse al settore elettrico", che fanno sì che in alcuni Paesi i "green jobs" continuino a diminuire.