Google, Deepmind: l‘intelligenza artificiale per risparmiare energia

Google, Deepmind: l‘intelligenza artificiale per risparmiare energia

Editorial Staff
Condividi
Grazie al sistema di intelligenza artificiale DeepMind, l'efficienza energetica nei data center di Google è aumentata del 15%. Secondo il co-fondatore di DeepMind, Demis Hassabis, siamo solo all'inizio

Google mette l’intelligenza artificiale al servizio dell’efficienza energetica. Il colosso di Mountain View sta infatti utilizzando la tecnologia sviluppata da DeepMind per risparmiare energia nei suoi centri di elaborazione dati. In particolare Alphabet, società madre di Big G, ha recentemente installato nei suoi data center un sistema per ottimizzare la gestione di server e di altri materiali. "Il sistema controlla circa 120 variabili nei centri di elaborazione dati: le ventole ed i sistemi di raffreddamento e così via", ha spiegato a Bloomberg il co-fondatore di DeepMind, Demis Hassabis, affermando come questo sia solo il primo passo e che, grazie a DeepMind, il consumo di energia sia diminuito sensibilmente. "Si tratta di un grosso risparmio in termini di costi, ma è anche ottimo per l'ambiente", ha concluso Hassabis. Nei centri di elaborazione dati, l’efficienza energetica viene valutata con un parametro chiamato Pue (Power Usage Effectiveness), che misura il rapporto tra l'energia utilizzata dagli apparati di calcolo e quella assorbita dagli impianti ausiliari. A Google stimano che, secondo tale parametro, con DeepMind l’efficienza è aumentata del 15%.