Australia: nel 2016 è record di investimenti green

Australia: nel 2016 è record di investimenti green

Elisa Maria Giannetto
Condividi
Canberra nell'ultimo anno ha quintuplicato le risorse stanziate in progetti rinnovabili. Un impegno senza precedenti che avvicina il continente agli obiettivi green fissati per il 2020

Nel 2016, l’Australia ha raggiunto il record di investimenti nelle energie rinnovabili rispetto all’anno precedente, avvicinandosi sempre più all’obiettivo del 23,5% di energia green entro il 2020. A dare la buona notizia è il Clean Energy Regulator (CER) che conta un impegno finanziario quintuplicato rispetto al 2015, con più di 4 miliardi di dollari australiani (2,99 miliardi di dollari USA) necessari per aggiungere altri 2GW di energia da fonti pulite. Il settore che ha ricevuto più sostegno è stato quello del solare, sia di larga che di piccola scala. Tra i 98 nuovi impianti commissionati nel 2016, 86 sono grandi impianti fotovoltaici mentre tra quelli di piccola scala si contano 182.000 nuove installazioni. "La tecnologia solare su larga scala ha quasi dimezzato il suo costo negli ultimi anni, rendendo il solare competitivo non solo rispetto all'energia eolica ma anche ai combustibili fossili", ha dichiarato il direttore del Clean Energy Finance Corporation (CEFC), Ludovic Theau. Tutto si muove dunque nella direzione giusta per favorire il raggiungimento del target prefissato. E il 2017 è già partito con il piede giusto: negli ultimi tre mesi sono stati stanziati oltre 2 miliardi di dollari nelle rinnovabili, un impegno senza precedenti che equivale ad un aumento di 7,4 miliardi di dollari per 330 MW di nuova capacità di energia pulita. La costruzione dei nuovi impianti dovrebbe iniziare entro l’anno e, secondo le previsioni del CER, potrebbe creare più di 4 mila nuovi posti di lavoro.