Il Brasile finanzia la micro-generazione nelle rinnovabili

Il Brasile finanzia la micro-generazione nelle rinnovabili

Editorial Staff
Condividi
Il Banco do Nordeste ha lanciato una nuova linea di credito agevolato per incentivare le imprese a dotarsi di mini-impianti per la produzione di energie rinnovabili

Il Brasile continua a promuovere una politica di incentivi per la generazione distribuita da fonti rinnovabili. Già alla fine del 2015, il governo aveva lanciato un programma per facilitare l’autoproduzione di eolico e solare da parte dei cittadini. A questo si aggiunge ora la nuova iniziativa del Banco do Nordeste che ha creato ”SOL-FNE’, una nuova linea di credito dedicata alle installazioni di impianti rinnovabili taglia mini (75 Kw-5 Mw) e micro (> 100 IKw) che si rivolge alle imprese del settore agricolo, industriale, commerciale o dei servizi, anche in forma di cooperazioni o associazioni. Come ha spiegato Rodrigo Sauaia, direttore dell’associazione che rappresenta l’industria solare brasiliana, SOL-FNE potrà finanziare fino al 100% degli investimenti. La nuova linea di credito utilizzerà i fondi del Northeast Constitutional Financing Fund (Fne) e dispone di un termine di pagamento fino a 12 anni con un periodo di sospensione di un anno.  I tassi di interesse varieranno dal 6,5% all’11%, a seconda della tipologia di cliente e dalle caratteristiche del progetto da realizzare. "Questo tasso di interesse è molto interessante per i nostri progetti. Forse in Europa è considerato un po’ alto, ma non lo è in Brasile", ha dichiarato Sauaia. Il Brasile sta attraversando una profonda crisi politica e la sua principale compagnia petrolifera è stata travolta da un pesante scandalo di corruzione. Lo sviluppo delle rinnovabili resta quindi una delle poche certezze su cui poter contare.