Ali Kardor al vertice della National Iranian Oil Company

Ali Kardor al vertice della National Iranian Oil Company

Editorial Staff
Condividi
Il nuovo managing director, nominato dal ministro del Petrolio Bijan Zanganeh, sostituisce Rokneddin Javadi che va ad occupare la carica di vice ministro per la supervisione delle risorse provenienti da idrocarburi. La decisione intende dare nuovo impulso agli investimenti esteri nel Paese

Ali Kardor è il nuovo managing director della National Iranian Oil Company (Nioc), la società petrolifera statale di Teheran. Già capo degli investimenti della compagnia, Kardor prende il posto di Rokneddin Javadi, in carica dal 2013, che è stato nominato vice ministro per la supervisione delle risorse provenienti da idrocarburi. L’avvicendamento è stato deciso dal ministro del Petrolio iraniano Bijan Zanganeh: Kardor è infatti considerato un elemento fondamentale per la gestione del nuovo afflusso di capitali esteri nel Paese e il cambio ai vertici della società si inserisce nell’ambito dei disaccordi con il Governo sulla gestione degli investimenti esteri e sui termini contrattuali da offrire alle società estere. Dopo la fine delle sanzioni internazionali che avevano colpito il Paese, Teheran non ha firmato alcun accordo per lo sviluppo di nuovi pozzi riprendendo però le esportazioni di greggio verso le compagnie europee come la Shell. Complessivamente oggi l’Iran vende alla Ue 400.000 barili al giorno, una cifra che prima dell’entrata in vigore delle sanzioni era pari ai due terzi della sua quota di mercato. Come affermato dal capo marketing di Nioc, Mohsen Ghamsari, l’obiettivo è ora di raggiungere i 700.000 barili.